Azienda

Sistri: rinvio inizio

  L’entrata in vigore del Sistri, il nuovo sistema telematico di tracciabilità dei rifiuti, è stata ulterioremente prorogata.

In base all’annuncio del Ministero dell’Ambiente, il calendario del sistri è il seguente:

dal 1° settembre 2011 il Sistri sarà obbligatorio per i produttori di rifiuti che abbiano più di 500 dipendenti, per gli impianti di smaltimento, incenerimento, etc. (circa 5.000) e per i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui superiori alle 3.000 tonnellate (circa 10.000);

Dal 1° ottobre 2011, invece, è prevista l’entrata in vigore per produttori di rifiuti che abbiano da 250 a 500 dipendenti e “Comuni, Enti ed Imprese che gestiscono i rifiuti urbani della Regione Campania”;

Dal 1° novembre 2011 sarà la volta dei produttori di rifiuti che abbiano da 50 a 249 dipendenti;

Dal 1° dicembre 2011, invece, per produttori di rifiuti che abbiano da 10 a 49 dipendenti e i trasportatori che sono autorizzati per trasporti annui fino a 3.000 tonnellate (circa 10.000);

Dal 1° gennaio 2012, il Sistri sarà obbligatorio per produttori di rifiuti pericolosi che abbiano fino a 10 dipendenti.

 Seregno,  31 maggio 2011 

Studio Associato Contrino

Spese trasferta dipendenti amministratori

La circolare di approfondimento pone suggerimenti sulla corretta impostazione contabile delle spese di trasferta dei dipendenti ed amministratori alla luce della normativa vigente.

Seregno, 20 marzo 2010

Circolare integrale: Apri File circolare      

Verbale assemblea: Apri File verbale

Lettera incarico trasferta: Apri File

Modello rimborso spese: Apri File

Servizio analisi bilancio on line

Il bilancio d’esercizio è un’importante fonte di informazione per una valutazione dei risultati conseguiti nella gestione passata e per valutare le scelte decisionali per il futuro. L’interpretazione del bilancio consiste nel dare spiegazioni delle condizioni finanziarie, economiche e patrimoniali in cui si trova l’azienda.

I principali strumenti operativi adottati nella rielaborazione dei valori di bilancio sono la riclassificazione del bilancio e la determinazione degli indici di bilancio.
I risultati di quest’attività di analisi possono essere:

–  valutazione dei risultati storici conseguiti;

–  definizione degli obiettivi verso i quali condurre l’azienda;

–  valutazione della possibilità di far ricorso al mercato dei capitali in virtù della recente normativa Basilea 2 che stabilisce dei requisiti patrimoniali minimi necessari per avere accesso al credito.
Servizio proposto

Per effettuare l’analisi di bilancio vi chiediamo semplicemente di compilare l’apposito form allegando i bilanci in forma dettagliata (anche in forma anonima) fino ad una massimo di quattro esercizi (anni).

Noi provvederemo ad un’attenta analisi dei vostri risultati e vi forniremo un rapporto completo e dettagliato sulla situazione economica, finanziaria e patrimoniale della vostra azienda e il trend di gestione negli esercizi esaminati .
a) L’analisi di bilancio porterà alla compilazione dei seguenti report:

– Riclassificazione dello Stato Patrimoniale e conto economico

– Analisi della situazione/equilibrio finanziario

– Analisi della situazione patrimoniale

– Analisi della situazione finanziaria

– Analisi della redditività

– Analisi dei flussi finanziari ottenuta comparando due esercizi (periodi di analisi) con determinazione del rendiconto finanziario per flussi di cassa e di capitale circolante.

– Report conclusivo sull’analisi svolta

b) Su richiesta specifica, l’analisi per indici potrà essere integrata con l’analisi del

Break Even Point (Punto di Pareggio)

Il B.E.P. misura l’ipotetico fatturato che deve essere realizzato per raggiungere il pareggio di bilancio in base alla ripartizione dei costi fissi e variabili. Gli scostamenti tra i diversi esercizi danno evidenza del moglioramento o peggioramento della gestione operativa.

Autovalutazione Basilea2

Basilea 2 si basa sul principio che maggiore è il rischio assunto nell’erogazione del credito, maggiore deve essere il capitale di vigilanza a garanzia della stabilità patrimoniale della banca. Siccome il capitale di vigilanza deve essere investito in impieghi a basso rischio e gli impieghi a basso rischio producono rendimenti altrettanto bassi, la banca, al crescere del rischio, si vedrà costretta a ridurre la quantità di credito erogato (cominciando da quello più rischioso) e/o ad aumentare la redditività dell’attività di erogazione del credito applicando alla propria clientela (cominciando dalla più rischiosa) condizioni più gravose. La conseguenza è che Basilea 2 potrà risultare premiante per le imprese virtuose e penalizzante per quelle con basso rating.

Costo del servizio

Il nostro Studio propone un servizio di analisi di bilancio effettuato in maniera approfondita e professionale secondo la migliore prassi adottata in campo aziendale.

Il costo dell’Analisi di bilancio è pari al 1% del valore del patrimonio netto dell’impresa con un costo minimo di Euro 500,00 + IVA.

Il costo del servizio verrà sempre comunicato preventivamente prima di iniziare l’analisi.

Compilato il modulo sottostante, vi verrà chiesto la spedizione via fax degli ultimo bilancio  al fine di comunicarvi un preventivo di costo dell’analisi. Successivamente se accetterete la proposta vi verrà chiesto di spedire una lettera di incarico, e di effettuare il versamento di un anticipo a mezzo bonifico bancario pari al 50% dell’intera somma e la spedizione dei bilanci degli ultimi 5 esercizi completi di tutti gli allegati e documentazione supplementare necessaria per l’analisi. Ulteriori notizie verranno richieste durante l’analisi, via e-mail o telefono.

Alla fine dell’analisi verrà predisposto un apposito report o fascicolo attraverso il quale verranno formalizzati i risultati dell’analisi e le relative soluzioni proposte.

Il fascicolo verrà spedito dopo il pagamento del saldo a mezzo bonifico bancario.

L’analisi del “Break Event Point” e per “l’Autovalutazione Basilea2” ha un costo supplementare di Euro 300,00 + IVA.

Lo Studio è inoltre in grado di fornire, su richiesta, perizie e valutazioni sul valore dell’impresa in previsione di cessioni o conferimenti d’azienda nonché operazioni di ristrutturazioni aziendali

Studio Contrino Rag. Gaspare

Allegati esempi report di valutazione bilancio 

Scarica circolare Analisi Bilancio on line

Esempio Bilancio 2009 2008

Esempio Analisi base

Esempio Report sintetico

Esempio Report analitico

Esempio Autovalutazione Basilea2

Esempio Report conclusivo

Tariffe ACI 2008

Tariffe ACI in vigore per l’anno 2008

Tariffa Aci per “Auto gasolio in produzione

Tariffa Aci per “Auto benzina in produzione

Tariffa Aci per “Auto gasolio fuori produzione

Tariffa Aci per “Auto benzina fuori produzione

Archivio articoli